C1: Il commento alla nona giornata


16/11/2017 - Cambia di nuovo la capolista: cade il Bagnolo, al comando balza la Lastrigiana

Cambia la capolista del massimo campionato regionale. La nona giornata vede il Bagnolo cadere a Siena, consentendo il sorpasso da parte della Lastrigiana. La quadra di Toria adesso è prima in solitaria, anche grazie al pareggio della Mattagnanese con il Real Livorno. 
I numeri: Tre vittorie casalinghe, tre esterne ed un solo pareggio. Tanti i gol segnati, 57, di cui 13 soltanto in Calcetto Insieme–Lastrigiana. Lastrigiana che aggancia la Mattagnanese come miglior attacco del campionato con 45 reti realizzate. I mugellani conservano la miglior difesa (12 subiti). Conferme anche per i numeri negativi. Il Firenze resta il peggior attacco (14), mentre il Calcetto Insieme è la peggior difesa (63). Leroy Righeschi, con una tripletta, consolida il primato in classifica marcatori portandosi a quota 18. Per il bomber di Terranuova sono 100 gol nelle ultime cinque stagioni in tre anni e mezzo di B e le prime partite di questo campionato. 
Il commento: Che potesse essere un turno di campionato favorevole alla Lastrigiana era abbastanza preventivabile. I biancorossi hanno fatto il loro dovere strapazzando il Calcetto Insieme 12–1 (tris per Panariello). Partita mai in discussione, che i ragazzi di Toria hanno condotto dalla propria parte con un brillante primo tempo, chiuso sul 6–0. I biancorossi per balzare al comando solitario della classifica hanno approfittato in primis del ko del Bagnolo. I montemurlesi hanno perso partita e primato a causa della rete di Cristian Proto, che ha regalato al Siena il secondo 1–0 consecutivo. Troppo pesanti le assenze di Troja e Lenzi per scardinare la difesa bianconera. Si interrompe così la striscia di sette vittorie consecutive dei pratesi. Per la squadra di Montagnani, invece, quinto risultato utile consecutivo e aggancio al quarto posto, posizione che ora condivide con Vigor Fucecchio e Real Livorno. Proprio i labronici hanno fatto l'altro favore alla Lastrigiana, fermando sul 5–5 la Mattagnanese. Risultato costantemente in bilico, con il Real avanti 2–0 all'intervallo e poi rimontato dai mugellani nella ripresa fino al 4–3. Negli ultimi otto minuti accade praticamente di tutto: 4–4 del Real, nuovo vantaggio Mattagnanese e a due dal termine definitivo 5–5 di Umalini sugli sviluppi del portiere di movimento. I ragazzi di Bearzi e Del Re interrompono la striscia di vittorie casalinghe, che si ferma a quattro, mentre il Real si prende questo punticino che fa poca classifica (due punti nelle ultime quattro), ma molto morale. Come anticipato al quarto posto si è formato un terzetto di cui fa parte anche la Vigor Fucecchio. Tutto abbastanza semplice per la squadra di Vasarelli sul campo della Sestoese, che forse per la prima volta in questo campionato non è riuscita a battagliare alla pari con gli avversari. Partita in discesa fin dal primo tempo, chiuso sul 4–0 e controllata nella ripresa fino all'8–3 finale. Tripletta per Marco Di Pace, che sale a quota 12. L'ex capitano della Rappresentativa Juniores è il più giovane nella top ten della classifica marcatori con i suoi 21 anni. La Vigor torna così al successo che mancava dal 6 ottobre e si conferma squadra da trasferta, visto che lontano dal palazzetto di casa ha conquistato undici dei suoi quindici punti. La Sestoese scivola invece in zona playout, superata in graduatoria da Verag Villaggio e Sorba. Quest'ultima ha piazzato la sorpresa di giornata, andando a vincere 6–3 sul campo del San Giovanni. Seconda vittoria consecutiva per i cascianesi, che ci hanno messo poco a prendere confidenza con la categoria. Le doppiette di Fontani e Mei e i gol di De Andreis e Foglietta hanno regalato tre punti preziosissimi in chiave salvezza, ma che tengono in gioco i biancorossi anche per la qualificazione in coppa. I valdarnesi di Massi, invece, si confermano squadra dal rendimento altalenante e escono dalla zona playoff. Rivede la luce la Verag Villaggio, che dopo tre sconfitte consecutive è riuscita a sbloccarsi. Contro il Pontedera è stata tutt'altro che semplice, con la vittoria arrivata in extremis con un tiro libero trasformato da Ed Daoudy (doppietta per lui e per Braconi). La squadra di Pullerà rientra in "zona coppa", mentre per quella di Sardella ancora una volta tanti complimenti, ma nessun punto. E adesso la classifica si fa pericolosa. A chiudere la panoramica su questa nona giornata c'è il derby salvezza tra Euroflorence e Firenze, vinto dai viola per 3–2. Partita combattutissima, che ha visto la squadra di Robuschi chiudere avanti il primo tempo 2–1, per poi condurre in porto il match nella ripresa con il gol decisivo di Rossi. L'Euroflorence guadagna una posizione, scavalcando il Pontedera, mentre il Firenze resta penultimo.