Nasce il Futsal Prato, cosa cambia?


10/05/2019 - Presentata la società che nasce dalla fusione tra San Giusto e Bagnolo, obbiettivo il nazionale

Ieri pomeriggio San Giusto e Bagnolo hanno ufficializzato la loro fusione societaria, dando vita al Futsal Prato. Già nel nome si intuiscono quelle che sono le mire della nuova società, che punta a superare i campanilismi di quartiere (che nella capitale del futsal toscano restano molto sentiti), per diventare una realità in grado di affiancarsi allo storico Prato calcio a 5 nella rappresentanza cittadina. Sul palco del Chiesino di San Giovanni, a due passi da quel Castello dell'Imperatore inserito come simbolo nel nuovo stemma societario, c'erano Ferdinando Fusco e Gianluca Caminati per il San Giusto e Francesco Vignolini per il Bagnolo. Tanto è stato detto, molto resta sotto traccia. Intanto si tratta di una fusione reale, con unione delle partite Iva e mantenimento dei vincoli dei giocatori appartenenti ad entrambe le società. Caso raro nel panorama toscano, dove solitamente si assiste alla confluenza di una società in un'altra con la sparizione di una delle due. 
Sul palco non sono stati svelati organigrammi societari e staff tecnici, fatta eccezione per il nome dell'allenatore alla guida della prima squadra: Tommaso Vitale. In platea presente anche Gabriele Grandi, tecnico del Bagnolo, e questo fa pensare che avrà un ruolo anche nella neonata società. 
Oltre alla scuola calcio a 5, che già veniva portata avanti da entrambe le realtà, saranno tre le squadre ai nastri di partenza della stagione 2019/20: Serie C1, Under 19 e Under 17. Si chiudono invece le esperienze di Under 21 e Femminile, con quest'ultimo campionato che perde in un colpo solo due squadre. Nulla è trapelato sulla rosa della prima squadra, che comunque potrà contare su molti giovani di talento, come dimostrato dalle recenti convocazioni al Torneo delle Regioni e i risultati ottenuti dal Bagnolo, campione regionale Under 19 e ancora in corsa nei playoff scudetto di categoria. Il campo di gioco sarà il Keynes, che dalla prossima stagione tornerà ad essere pienamente agibile per il pubblico. Ma in contemporanea proseguono i lavori al Centro Tecnico del San Giusto, che nei prossimi mesi porteranno alla costruzione di due campi in sintetico e successivamente alla tanto agognata struttura al coperto. 
Gli obbiettivi dichiarati dalla società sono fin da subito importanti. Il Futsal Prato punta ad arrivare il prima possibile alla Serie B e di conseguenza è lecito attendersi un mercato importante da parte della società. Allo stesso tempo c'è la volontà di competere ai massimi livelli nelle due categorie giovanili. Le rose delle squadre saranno presentate ufficialmente a luglio durante un evento organizzato ad hoc. 
Altra novità è rappresentata dallo sponsor tecnico, che dalla prossima stagione sarà il brand giapponese Mizuno. Da segnalare la presenza ieri del sindaco uscente (e ricandidato alle prossime elezioni del 26 maggio) Matteo Biffoni, da sempre molto attento alle dinamiche sportive cittadine e che sembra pronto a supportare la nuova realtà. 
La capitale del calcio a 5 toscano si rilancia dunque verso nuove ambizioni, in attesa di conoscere il futuro del Prato C5, impegnato nei playout di A2 e nei playoff di C Femminile, con il consolidamento della Verag Villaggio, arrivata ai playoff di C1, e realtà storiche di C2 come Timec e Poggio a Caiano. Mentre nubi calano sul Coiano Santa Lucia, a forte rischio per la prossima stagione. 
Per quanto riguarda la prossima C1, invece, questo è il quadro attuale della situazione, in attesa anche del playout di Serie B del Montecalvoli: 
1) Elba 97 (retrocessa dalla B)
2) Vigor Fuccecchio (in attesa dei playoff di B)
3) Verag Villaggio
4) Futsal Euroflorence
5) Arpi Nova
6) Il Rotino
7) Midland GS
8) Futsal Prato (fusione tra Bagnolo e San Giusto)
9) Signa
10) Versilia
11) Futsal Pontedera
12) Limite e Capraia
13) Le Crete
14) Firenze