Verso la ripartenza: ipotesi accorpamento?


18/03/2021 - Prende piede la possibilità di un campionato interregionale con Liguria e Lombardia

Si continua a lavorare senza sosta nelle ultime ore per cercare di dar vita ad un campionato di C1 che si possa disputare tra aprile e giugno. Saltata in maniera definitiva l'ipotesi di un torneo regionale in Toscana, vista l'adesione di sole tre società: Firenze, Signa e Futsal Prato, sta prendendo corpo la possibilità di creare un campionato interregionale con Liguria e Lombardia. 
L'apertura dei giorni scorsi all'accoparmento tra comitati, esplicitata dal Presidente della Figc Gabriele Gravina, ha fatto nascere questa idea. Il campionato potrebbe essere a otto squadre. Oltre alle nostre tre rappresentanti c'è il Tigullio del Presidente Stefano Radice, tra i promotori del progetto e vecchia conoscenza delle nostre società del nazionale. Con il club di Chiavari anche tre genovesi: Città Giardino, altra ex avversaria delle toscane in B e in Under 21, Futsal Genova e Genoa 1999. Le quattro società liguri dovranno valutare questa possibilità nelle prossime ore, dopo che il loro campionato (che appariva certo) si è sfaldato e ha perso per strada sei squadre. Oltre alle quattro liguri, a completare il pacchetto, potrebbe esserci il Bergamo, conteso anche dal Piemonte, come annunciato ieri dai nostri colleghi di Tiro Libero. La formula indicata sarebbe quindi quella dei due gironi da quattro squadre, con le prime due classificate che si incrocerebbero nelle semifinali e poi la finalissima. La divisione ipotetica, seguendo la logica delle distanze geografiche, potrebbe essere quella delle tre toscane più Tigullio da una parte e le tre genovesi più il Bergamo dall'altra. Restiamo ancora nel campo delle ipotesi, ma se soltanto qualche giorno fa la stagione sembrava definitivamente chiusa, adesso si sono aperti spiragli. Da valutare anche il giorno di gara, che per le trasferte più lunghe potrebbe essere spostato al sabato, mentre non sussisterà l'obbligo dei campi al chiuso. Se arriverà l'ok da parte di tutti e otti i club, il format dovrà poi essere approvato dalla Lega Nazionale Dilettanti. 
Ovviamente le otto partecipanti dovranno seguire il protocollo sanitario dei campionati nazionali, con tamponi da effettuare tutte le settimane 72 ore prima della partita.